EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Regionali: Fitto lancia 'Casa Puglia' a Bruxelles

E' la prima proposta programmatica
E' la prima proposta programmatica
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 01 SET - La creazione di una sede efficiente della Regione Puglia a Bruxelles, una sorta di ufficio di collegamento, una "ambasciata" del territorio pugliese in Europa, chiamata "Casa Puglia", è la prima proposta programmatica di Raffaele Fitto, candidato alla presidenza della Regione per il centrodestra. L'iniziativa è stata presentata oggi a Bari da Fitto con una delegazione degli europarlamentari di Fratelli d'Italia guidata da Carlo Fidanza. "La Regione Puglia - ha spiegato Fitto - dal 2003 ha una sede che non è stata mai utilizzata e che da due anni non ha più neanche un referente. Nel frattempo noi abbiamo difficoltà, uso un eufemismo, se non problemi seri con tutto il sistema delle risorse europee che arrivano alla Regione Puglia, uno dei grandissimi handicap dell'amministrazione uscente che ha fatto un disastro". Fitto cita su tutti il dato dei fondi per l''agricoltura: "su un miliardo e seicento milioni di euro per l'agricoltura in Puglia - dice - si e no un terzo è la somma impegnato e comunque non utilizzata, bloccato nei ricorsi, e poi c'è un altro miliardo non speso, un dato incredibile, vergognoso e scandaloso". "Casa Puglia" potrà essere il punto di contatto della Regione con istituzioni e organi europei, fornire consulenza alle imprese per l'internazionalizzazione e la promozione del territorio, per la redazioni di bandi e per stage formativi. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 19 luglio - Serale

Corte Aja: l'occupazione israeliana nei territori palestinesi è illegale

Siccità e desertificazione: la Sicilia deve fare i conti con il cambiamento climatico