This content is not available in your region

Coronavirus: Emiliano, Puglia in seconda ondata contagi

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Prevediamo in prossime settimane consistente ondata contagi
Prevediamo in prossime settimane consistente ondata contagi

(ANSA) – BARI, 27 AGO – “Stiamo purtroppo, come avevamo
previsto, nella seconda ondata Covid e questa è la notizia più
importante di oggi. Abbiamo dato disposizione di mobilitare e
rafforzare i dipartimenti di prevenzione, esattamente come
abbiamo fatto qualche mese fa nella “fase 1” con gli ospedali”:
lo dichiara il governatore pugliese Michele Emiliano al termine
di una riunione con i direttori generali delle Asl pugliesi, i
dipartimenti di prevenzione, i direttori delle strutture
sanitarie pubbliche, enti ecclesiastici e Irccs della rete
Covid, i direttori dei laboratori di microbiologia e virologia
della rete Covid. Presenti alla riunione anche il direttore del
dipartimento Promozione della salute, Vito Montanaro, e
l’epidemiologo Pierluigi Lopalco. “Verranno assunti centinaia di
infermieri e operatori sanitari – annuncia Emiliano – e
rinforzati i dipartimenti di prevenzione. Prevediamo di avere
nelle prossime due o tre settimane al massimo un numero di
contagi molto consistente, non diverso da quello degli altri
paesi europei. Questo era previsto e non deve spaventare
nessuno, siamo perfettamente in sicurezza e la nostra capacità
di gestire una pandemia è testata da una esperienza lunga, da
ore e ore di un lavoro comune. Ho visto negli occhi dei
direttori generali e di tutti i capi dei dipartimenti di
prevenzione la stessa determinazione dei momenti più difficili.
Quindi la Puglia è in campo e riusciremo a cavarcela anche
questa volta. Naturalmente – conclude – la differenza sarà
questa: che gli ospedali dovranno continuare a lavorare anche
per la sanità ordinaria e che il resto della società dovrà
continuare a vivere”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.