EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Russia: Alexei Navalny annuncia (dal carcere) lo sciopero della fame

Russia: Alexei Navalny annuncia (dal carcere) lo sciopero della fame
Diritti d'autore Alexander Zemlianichenko/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Alexander Zemlianichenko/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A riferire della decisione è un'emittente russa, che cita un canale social del dissidente

PUBBLICITÀ

L'oppositore russo Alexei Navalny annuncia dal carcere lo sciopero della fame.

A riferire della decisione è un'emittente locale, che cita un canale social del dissidente.

"Voglio che sia rispettata la legge e che possa essere visitato da un medico - si legge nel messaggio - così me ne sto sdraiato e affamato, almeno per ora con due gambe.

Pavel Golovkin/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoPavel Golovkin/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Vengo torturato con la privazione del sonno e l'amministrazione intimidisce i detenuti in modo che non puliscano intorno al mio letto".

Secondo i suoi avvocati, Navalny, che aveva denunciato di temere di ''finire in isolamento in condizioni simili alla tortura", lamenta forti dolori alla schiena e alla gamba destra.

Il leader dell'opposizione russa, che ha riferito inoltre di essere stato richiamato svariate volte nelle ultime settimane dalle autorità carcerarie per piccole infrazioni, è detenuto nella colonia penale di Pokrov, 80 km ad est di Mosca, dopo la condanna a due anni e mezzo per aver violato la libertà condizionale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Navalny, si mobilitano in sua difesa Amnesty International e Bill Browder

Peggiorano le condizioni di Alexei Navalny, trasferito in ospedale

Navalny: gli Stati Uniti impongono sanzioni a sette funzionari russi, Mosca tuona