ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Corea del Nord: Kim fa autocritica. "Piani economici fallimentari, è tempo di aprirci all'esterno"

euronews_icons_loading
Corea del Nord: Kim fa autocritica. "Piani economici fallimentari, è tempo di aprirci all'esterno"
Diritti d'autore  朝鮮通信社/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Il 2021 in Corea del Nord inizia sotto il segno dell'apertura e cambiamento.

Nel terzo giorno di Congresso del Partito dei lavoratori, il presidente Kim Jong Un ha dichiarato che il Paese deve rafforzare legami e relazioni fuori dai propri confini. Un capitolo importante è stato dedicato alla Corea del Sud anche se Kim non ha indicato né le misure né i passi da fare per avvicinarsi a Seul.

Vista la profonda crisi economica che affronta Pyongyang, gli analisti si attendevano questo tipo do discorso, Kim ha giocato la carta della trasparenza bocciando i propri piani di sviluppo quinquennale, promettendone di nuovi e diversi.

La pandemia da un lato, catastrofi naturali dall'altro e le sanzioni USA hanno ridotto Kim a più miti consigli, sul fronte dei negoziati sul nucleare, dopo aver fatto passi avanti nelle trattative guidate da Washington con Donald Trump, le trattative però segnano il passo.

Il congresso è il principale organo decisionale del partito che rivede i progetti del passato, definisce nuove priorità e provvede a rinnovare gli alti funzionari.

Il Congresso di questo mese è stato convocato mentre Kim sta lottando contro ciò che definisce "crisi multiple" causate da un'economia martoriata dalla chiusura delle frontiere legate alla pandemia e tutta una serie di disastri naturali.

Non perde però la voglia di grandezza e di sensazionalismo, Kim che solo ieri ha dichiarato di voler rafforzare la capacità militare della Corea del Nord.