ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Diplomatici russi tornano dalla Corea del Nord su un carrello ferroviario spinto a mano

Di Euronews, AP
Facebook
Facebook   -   Diritti d'autore  Copyright Russian Foreign Ministry - МИД России
Dimensioni di testo Aa Aa

In piena pandemia, un gruppo di diplomatici russi ha trovato il modo più incredibile per aggirare la chiusura delle frontiere e ritornare a casa dalla Corea del Nord.

Otto dipendenti dell'ambasciata russa in Corea del Nord, assieme alle loro famiglie (compreso un bambino di tre anni) sono stati fotografati e filmati su un carrello ferroviario spinto a mano.

Il ministero degli Esteri russo ha condiviso la loro storia su Facebook. Il gruppo ha iniziato il suo "lungo e difficile viaggio per tornare a casa" giovedì scorso, si legge.

"Le frontiere sono state chiuse per oltre un anno e il traffico passeggeri è stato interrotto", ha aggiunto il ministero.

Euronews
Il punto di confine tra i due PaesiEuronews

Il gruppo di russi ha iniziato la sua lunga odissea prendendo un treno da Pyongyang per un viaggio di 32 ore, a cui hanno fatto seguito due ore di bus per giungere al confine.

Una volta lì, sono saliti sul carrello ferroviario e hanno passato la frontiera che divide Russia e Corea del Nord.

"Per riuscirci, hanno avuto bisogno di preparare un carrello in anticipo, metterlo sulle rotaie, metterci sopra le nostre cose, farvi accomodare i bambini... e partire", ha sottolineato il ministero.

Le foto pubblicate su Facebook mostrano il carrello, carico di valigie, mentre si fa strada attraverso la campagna nordcoreana.

Un video virale mostra alcuni membri del gruppo sorridenti mentre attraversano il ponte sul fiume Tumannaya che divide la Corea del Nord dalla Russia.

Secondo quanto riporta il ministero degli Esteri, il carrello è stato spinto lungo la ferrovia per più di un chilometro. Il terzo segretario dell'ambasciata, Vladislav Sorokin, ha fatto da "motore" umano.

"Alla stazione di frontiera russa di Khasan, i nostri sono stati accolti dai colleghi dell'ufficio del ministero degli Esteri a Vladivostok e da un autobus fornito dall'amministrazione del Territorio di Primorsky. "I nostri connazionali sono tornati a casa dall'aeroporto di Vladivostok", si legge nel post su Facebook.

L'agenzia di stampa Interfax indica che il gruppo si è imbarcato su un volo per Mosca dalla città dell'estremo oriente russo.

Parlando ai giornalisti venerdì, il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha detto che il lavoro dei diplomatici è "difficile e spinoso": situazioni come queste "si possono verificare".

La Russia, che ha stretti legami con la Corea del Nord, ha mantenuto una significativa presenza diplomatica nel paese, che ha a lungo sofferto di gravi carestie.

Pyongyang sostiene, nonostante lo scetticismo internazionale, di essere un Paese in cui il nuovo coronavirus non è ancora arrivato. La Corea del Nord ha sigillato le sue frontiere nel gennaio 2020 e ha sospeso ogni tipo di traffico passeggeri.