L'odissea degli italiani bloccati nel Regno Unito

APtv
APtv Diritti d'autore Images
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tanti italiani ancora bloccati nel Regno Unito

PUBBLICITÀ

È passata una settimana da quando l'Italia ha annunciato la sospensione dei voli in provenienza dal Regno Unito a causa dell'apparizione del cepo definito inglese del coronavirus. Un ceppo coonsiderato più aggressivo di quello ordinatrio. Da allora molte persone sono rimaste bloccate oltremanica. Il blocco è durato 48 ore ed è stato concesso di rientrare a italiani residenti e con urgenze previo tampne e quarantena obbligatori.

I fortunati che in questi giorni sono riusciti a sbarcare a in Italia nei giorni passati, non sapevano nemmeno cosa fosse successo.

Pagina Facebook
ImmaginiPagina Facebook

Sono sorte però diverse pagine per migliaia di persone che sono rimaste bloccate negli aeroporti britannici senza alcun sussidio economico, abbandonate a sé stesse e costrette ad esempio a rifare tamponi a pagamento per poter rientrare.

I consumatori si stanno anche organizzando per class action contro le compagnie che abbiano annullato i voli per decisioni commerciali, ma non per il rispetto dei DPCM italiani in quanto essi rientrano in questo caso in amministrazione straordinaria.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Grecia accoglie i turisti turchi: potranno visitare dieci isole greche con un visto rapido

Turismo: nel 2024 più viaggi in Europa meglio se sostenibili

Germania, farmacie sospettate di rivendere il farmaco anti-Covid in Russia e Ucraina