ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Brexit, accordo UE-Regno Unito: il giorno decisivo

Di Cristiano Tassinari
euronews_icons_loading
Brexit, accordo UE-Regno Unito: il giorno decisivo
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Non c'è più tempo da perdere.

Luci accese a Palazzo Berlaymont, a Bruxelles, per tutta la notte: i negoziati UE-Regno Unito sono proseguiti ad oltranza.

L'accordo commerciale post-Brexit non è mai stato cosi vicino, siamo ai dettagli sui diritti di pesca, l'ultimo scoglio.
In ballo ci sono 650 milioni di euro annui di pescato: come dividerli?

Dopo mezzanotte, un portavoce della Commissione europea ha cosi twittato:
"Il lavoro della Brexit continuerà per tutta la notte. Si raccomanda a tutti gli osservatori di dormire un po'. Si spera domani mattina di iniziare presto...".

Il tweet di Eric Mamer

Il primo ministro britannico Boris Johnson e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen sono stati costantemente in contatto telefonico nelle ultime 24 ore, nel tentativo di sbloccare la situazione di stallo prima di Natale.

I capi negoziatori Michel Barnier e David Frost hanno impiegato quasi 11 mesi di trattative per arrivare ad una bozza di accordo commerciale e non vogliono certo arenarsi sul diritto di accesso delle flotte di pescherecci dell'UE nelle acque britanniche.

"Enormi concessioni britanniche"

A fronte di "enormi concessioni britanniche", dicono da Londra, comunque necessarie - il famoso asso nella manica di Frost -, anche secondo gli osservatori europei la fumata bianca sull'accordo è prevista entro poche ore, già nella giornata di giovedi.

Virginia Mayo/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Palazzo Berlaymont, sede della Commissione europea a Bruxelles.Virginia Mayo/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

2000 pagine di accordo

Il testo finale dell'accordo sarà un documento-monstre di circa 2000 pagine.
Entrambe le parti avranno tempo fino al 31 dicembre - quando il Regno Unito lascerà ufficialmente le regole commerciali dell'UE - per farlo approvare dai rispettivi parlamenti. Ma è sempre più probabile un accordo provvisorio, con i voti all'Europarlamento e a Westminter previsti in gennaio.