Caso Navalny: OPAC conferma la presenza di Novichok e condanna l'attacco

Caso Navalny: OPAC conferma la presenza di Novichok e condanna l'attacco
Diritti d'autore Alexander Zemlianichenko/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  AFP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

56 Paesi chiedono alla Russia di "rivelare prontamente e in modo trasparente le circostanze dell'attacco con armi chimiche"

PUBBLICITÀ

Cinquantasei Paesi, tra i quali Stati Uniti, gli Stati membri dell'Unione europea, Australia e Canada, condannano "con la massima fermezza" l'attacco ad Alexei Navalny. E' quanto si legge nella dichiarazione congiunta pubblicata al termine della riunione dei Paesi membri dell'OPAC, l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, con sede all'Aia.

L'istituzione ha confermato la presenza di tracce di Novichok, l'agente nervino di quarta generazione prodotto in Unione Sovietica, nei campioni prelevati dall'oppositore russo, dopo il suo ricovero a Berlino.

La dichiarazione congiunta la trovate qui.

I Paesi firmatari hanno quindi esortato il Cremlino a "rivelare prontamente e in modo trasparente le circostanze dell'attacco con armi chimiche", commesso sul proprio territorio il 20 agosto. Mosca ha respinto nuovamente ogni accusa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Morte di Navalny, la madre vede il corpo: "Vogliono che seppellisca mio figlio in segreto"

Morte Navalny: il mondo ricorda il dissidente, quasi 400 arresti in Russia

Morte di Navalny: mistero sul corpo, dubbi sulla data e sulla causa del decesso