ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il vaccino cinese anticovid bloccato in Brasile. Sarebbe pericoloso

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
Copyright
Copyright   -   Diritti d'autore  Andre Penner/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Nella corsa al vaccino anti covid qualcosa sembra essere andato storto in Brasile dove l'azienda Sinovac stava effettuando test sul suo preparato e credeva di poter lanciare ben presto un'operazione su larga scala nel paese sudamericano.

L'autorità che si occupa della salute in Brasile ha interrotto gli studi clinici sul potenziale vaccino contro il coronavirus CoronaVac, citando un "evento avverso grave".

La decisione, pubblicata lunedì notte sul sito web di Anvisa, ha suscitato una sorpresa immediata da parte delle parti coinvolte nella produzione del vaccino.

Il potenziale vaccino è stato sviluppato dall'azienda biofarmaceutica cinese Sinovac e in Brasile sarebbe prodotto principalmente dall'istituto statale Butantan di San Paolo.

Il governo dello stato di San Paolo ha dichiarato in un comunicato che "si rammarica di essere stato informato dalla stampa e non direttamente da Anvisa, come normalmente avviene negli studi clinici di questa natura".

Butantan ha detto di essere rimasto sorpreso dalla decisione di Anvisa e che avrebbe tenuto una conferenza stampa.

Il vaccino CoronaVac ha già suscitato polemiche in Brasile, dove il presidente Jair Bolsonaro ha messo in dubbio la sua potenziale efficacia. Ha suscitato confusione il mese scorso quando l'ha rifiutato pubblicamente, dicendo che i brasiliani non sarebbero stati usati come cavie.

La dichiarazione faceva seguito alla notizia che il suo ministro della salute, Eduardo Pazuello, aveva accettato di acquistare le dosi di CoronaVac prodotte localmente da Butantan.

Bolsonaro ha spesso espresso sfiducia nei confronti della Cina, in particolare durante la campagna elettorale nel 2018, sebbene abbia in qualche modo ammorbidito la sua retorica.

Il governatore dello stato di San Paolo, João Doria, è diventato un rivale politico e un critico della risposta pandemica del presidente. Va detto pero' che certe decisioni in unsto federale come il Brasile non sono solo nelle mani del presidente. I governatori giocano un ruolo importante cosi' come il parlamento nazionale.

Ci sono state vittime?

Non si sa con certezza, anche se gli indizi vanno in questa direzione. Anvisa ha affermato nella sua dichiarazione che l'evento che ha portato alla sospensione del processo è avvenuto il 29 ottobre, senza fornire ulteriori dettagli su quanto accaduto.

Il partecipante che ha avuto la reazione si è ammalato il 29 ottobre, secondo le autorità. Non è stat detto dove in Brasile è stata somministrata la dose o cosa fosse successo al volontario, citando lil diritto alla privacy del paziente. In una dichiarazione, hanno affermato che un tale "grave incidente avverso" potrebbe includere morte, disabilità, ospedalizzazione, difetti alla nascita o altri "eventi clinicamente significativi". "Con l'interruzione dello studio, nessun nuovo volontario può essere vaccinato", era scritto nella dichiarazione di Anvisa.

Ovvia la difesa della compagnia farmaceutica. Dimas Covas, che guida Butantan, ha detto lunedì alla TV Cultura che un volontario era morto, ma che la morte della persona non era dovuta al vaccino, ha riferito AP.

“Abbiamo trovato strana questa decisione di Anvisa perché non è correlata al vaccino. Ci sono più di 10.000 volontari in questo momento ", ha detto.

Le interruzioni temporanee dei test per farmaci e vaccini sono relativamente comuni. Nella ricerca che coinvolge migliaia di partecipanti, è probabile che alcuni si ammalino.

La sospensione di uno studio consente ai ricercatori di indagare se una malattia è un effetto collaterale o una coincidenza.

Il mese scorso, due produttori di farmaci hanno ripreso a testare i loro potenziali vaccini contro il coronavirus negli Stati Uniti dopo che erano stati interrotti in precedenza.

CoronaVac è in fase di sperimentazione in sette stati brasiliani, oltre al distretto federale dove si trova la capitale Brasilia.

Il potenziale vaccino non può essere somministrato ai brasiliani in quanto non è ancora approvato a livello locale, ha detto l'agenzia. Questo offre un enorme potere di discrezionalità ad ogni stato.

Lunedì scorso, il segretario alla salute dello stato di San Paolo, Jean Gorinchteyn, ha detto che i primi 120.000 vaccini CoronaVac sarebbero arrivati all'aeroporto internazionale di San Paolo il 20 novembre.

“Continueremo a seguire i protocolli sanitari per somministrare i vaccini. Saranno portati al pubblico solo dopo un'autorizzazione finale da parte dell'autorità sanitaria brasiliana ", ha detto Gorinchteyn.

Il segretario ha aggiunto che quasi tutti i volontari a cui sono state somministrate due dosi del vaccino hanno prodotto anticorpi pensati per proteggere le persone dal virus. Il dibattito fra stati dunque, rischia di non interrompersi con la sospensione della sperimentazione.