ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Elezioni Usa: Trump è andato meglio di quattro anni fa nelle contee più colpite dalla pandemia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
La pandemia di Covid-19 è stata uno dei temi centrali della campagna elettorale
La pandemia di Covid-19 è stata uno dei temi centrali della campagna elettorale   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Negli Stati Uniti la pandemia è stato uno dei temi centrali della campagna elettorale che ha preceduto le elezioni presidenziali. Nonostante siano stati uno dei Paesi più colpiti dal virus, Donald Trump nei suoi discorsi in pubblico ha spesso minimizzato l'impatto della pandemia e la pericolosità del virus.

Eppure una prima analisi dei dati elettorali fin qui disponibili mostrano che il presidente in carica non ha perso consensi nelle contee degli Stati Uniti più colpite dal Covid-19. Tutt'altro. Stando a un analisi di Bloomberg, rispetto a quattro anni fa Trump ha guadagnato consensi in queste aree, guadagnando più voti rispetto alle contee con meno contagi.

L'analisi, basata sul modello di affluenza sviluppato per Bloomberg, ha preso in esame quasi 2.700 contee in cui lo scrutinio ha superato il 90% dell'affluenza prevista alle urne alle 17.15 di mercoledì. Nelle contee che rientrano nel 10% di quelle con il maggior tasso di mortalità il margine di Trump è migliorato in media di 2,8 punti percentuali, passando dal 23,6% nel 2016 al 26,4% quest'anno. Nel complesso, il margine di voto di Trump è cresciuto mediamente solo di 0,2 punti, passando a 35,1 punti rispetto a quattro anni fa.

Questi margini apparentemente ampi derivano da una media che comprende molte contee rurali a bassa densità di popolazione in cui Trump ha vinto facilmente. Questa tendenza è stata particolarmente significativa in Florida, Carolina del Nord e Texas, Stati con un numero di ricoveri record nel mese di ottobre.

In Texas - storica roccaforte repubblicana che quest'anno era stata inserita tra gli Stati in bilico - Trump ha ottenuto più del 52% dei voti finora scrutinati, anche se i casi sono cresciuti del 32% nei 14 giorni precedenti le elezioni.

Mentre i Paesi con tassi di mortalità relativamente alti come Francia, Russia e Spagna hanno imposto l'uso delle mascherine a livello nazionale, Trump si è sempre opposto a una misura del genere. In un'intervista dello scorso luglio a Fox News Trump aveva detto di voler concedere ai cittadini "una certa libertà" sulla questione.

Un approccio in netto contrasto con quello di Biden. Il candidato democratico ha detto più volte che, se eletto, avrebbe imposto l'uso delle mascherine in tutto il Paese. Un piano sostenuto da diversi esperti di salute pubblica, tra cui Anthony Fauci, il principale esperto di malattie infettive del governo, e Scott Gottlieb, ex commissario della Food and Drug Administration di Trump.