ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nagorno-Karabakh, sotto le bombe con il Covid-19

Il reparto Covid dell'ospedale della capitale del Nagorno-Karabakh, Stepanakert/Khankendi
Il reparto Covid dell'ospedale della capitale del Nagorno-Karabakh, Stepanakert/Khankendi   -   Diritti d'autore  Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

I pazienti Covid-19 nel Nagorno-Karabakh sono costretti a vivere a stretto contatto con le persone che non hanno ancora contratto il virus in scantinati freddi e umidi, al riparo dal fuoco dell'artiglieria, mentre i medici risultati positivi al virus non hanno altra scelta che continuare il loro lavoro in corsia.

Questa la triste realtà della pandemia nella regione contesa da Armenia e Azerbaigian, dove da settimane è tornato l'incubo della guerra e dei bombardamenti.

Questo territorio, situato all'interno dell'Azerbaigian ma sotto il controllo delle forze armene da oltre 25 anni, sta affrontando la più grave crisi militare dalla conclusione delle ostilità nel 1994.

A Stepanakert (chiamata dagli azeri Khankendi), la capitale della regione, i combattimenti con artiglieria, razzi e droni infuriano da più di tre settimane. Centinaia finora le vittime, con i civili costretti a nascondersi in scantinati e bunker sovraffollati.

Una situazione che contribuisce alla diffusione del coronavirus.

Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Una volontaria fa un tampone in un rifugio anti-aereo di Stepanakert/KhankendiCopyright 2020 The Associated Press. All rights reserved/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

Ararat Ohanjanyan, ministro della salute del governo regionale del Nagorno-Karabakh, indica all'agenzia AP che gli operatori sanitari locali non hanno avuto tempo e risorse per affrontare l'epidemia durante le prime due settimane dall'escalation dei combattimenti, ripresi il 27 settembre.

"Per circa 10 giorni durante i pesanti bombardamenti di Stepanakert non abbiamo avuto il tempo di rintracciare i pazienti infetti, e questo ha permesso al contagio di diffondersi più velocemente del solito. Tuttavia ora la situazione sarà sotto controllo", le sue parole.

Ohanjanyan aggiunge che le strutture sanitarie della regione sono state travolte dal numero di feriti dei combattimenti. Lui stesso è risultato positivo al virus una settimana fa, ma ha continuato a lavorare nonostante la febbre e la polmonite.

I pazienti Covid-19 in condizioni più gravi vengono inviati in Armenia.

Ohanjanyan non riesce a dare il numero totale di infezioni nella regione: le autorità, dice, non sono state in grado di stare al passo con le statistiche nel corso dei combattimenti.

Mentre il sistema sanitario del Nagorno-Karabakh affronta una sfida enorme, un gruppo di volontari sta consegnando medicinali alle persone nascoste nei sotterranei, aiutando nell'attività di contact tracing.

Nella clinica per malattie infettive della dottoressa Malvina Badalyan di Stepanakert/Khankendi, i positivi al coronavirus si sono trovati costretti a scendere spesso nei sotterranei per sfuggire ai bombardamenti.

Badalyan afferma che la maggior parte del personale medico della regione ha contratto il coronavirus. Molti medici, aggiunge hanno continuato ad eseguire interventi chirurgici nonostante la febbre alta.

Una dei pazienti Covid-19 dell'ospedale, la 77enne Rita Arzumanyan, racconta che casa sua è stata distrutta dai bombardamenti.

Secondo Arevik Israelyan, che visita il marito ricoverato in ospedale con il virus, l'epidemia ha rappresentato una sfida scoraggiante, ma la gente ora si sta preoccupando soprattutto della guerra.

"La gente si infetta, ma sopravviveremo. La cosa principale è che non ci sia nessuna guerra".