ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Casa Bianca: firma storica tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrain

euronews_icons_loading
Casa Bianca: firma storica tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrain
Diritti d'autore  Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Giornata storica alla Casa Bianca, dove sono stati firmati gli "Accordi di Abramo" per la normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Israele, Emirati Arabi e Bahrain, in cambio della mancata annessione della Cisgiordania.

Con una cerimonia alla Casa Bianca, alla presenza di oltre 700 ospiti, a siglare il documento sono stati il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, il Ministro degli Esteri degli Emirati Arabi, Abdullah bin Zayed Al-Nahyan, ed il Ministro degli Esteri del Bahrain, Abdullatif al-Zayani, oltre al padrone di casa, Donald Trump.

I documenti sono stati firmati in tre copie: inglese, ebraico e arabo.

"Siamo qui per cambiare il corso della storia - dice Trump - dopo decenni di divisioni e conflitti, segniamo l'alba di un nuovo Medio Oriente, grazie al grande coraggio dei leader di questi tre Paesi: facciamo un grande passo verso un futuro in cui persone di ogni fede e provenienza potranno convivere in pace e prosperità".

Trump si è spinto a predire che alla fine anche i Palestinesi "arriveranno a un punto in cui vorranno unirsi all'accordo di pace" con Israele,

"Un giorno storico, una nuova alba di pace»: così il Premier israeliano, Benyamin Netanyahu, ha definito la firma alla Casa Bianca degli accordi, ringraziando Trump per la sua mediazione e per aver affrontato l'Iran.

A seguito della firma dell'accordo, proteste si sono registrate a Washington e nei territori palestinesi, dove sono state calpestate e bruciate le foto dei leader.

Due razzi sono stati poi lanciati da Gaza verso Israele: nella circostanza, due uomini sono rimasti leggermente feriti da schegge di missili.