ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dubai-Tel Aviv, inaugurato il collegamento aereo della low cost Flydubai

euronews_icons_loading
Voli Dubai-Tel Aviv
Voli Dubai-Tel Aviv   -   Diritti d'autore  KARIM SAHIB/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Segno di vittoria per il turista israeliano atterrato a Dubai.
I buoni rapporti tra Paesi si misurano anche da questo: una tratta aerea che rompe il tabù con un doppio collegamento giornaliero tra l'aeroporto internazionale di Dubai e lo scalo Ben Gurion di Tel Aviv.

La compagnia lowcost Flydubai ha inaugurato ieri i voli diretti. Un traguardo reso possibile dall'accordo tra Emirati Arabi e Israele. Lo sceicco emiratino Khalifa bin Zayed Al-Nahyan ha detto che il patto e l'attivazione dei collegamenti favoriranno "prosperità e progresso" in Medio Oriente.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu lo ha definito "un momento storico". Gli Emirati sono il terzo paese arabo a normalizzare i legami con Israele, dopo l'Egitto nel 79 e la Giordania nel 94.

"Mi aspetto che molti altri (Paesi arabi) partecipino (alla normalizzazione dei legami con Israele), e la ragione per cui dovrebbero farlo è perché siamo stati artificialmente ostacolati da ogni sorta di anacronistiche considerazioni politiche, che non hanno nulla a che fare con la realtà, nulla a che fare con il beneficio di tutti i popoli, tutti in Medio Oriente", ha dichiarato Netanyahu.

Flydubai opererà 14 voli settimanali tra Dubai e Tel Aviv.

"L'inizio dei voli di linea contribuirà allo sviluppo economico e creerà ulteriori opportunità di investimento", ha commentato l'amministratore delegato di flydubai Ghaith al-Ghaith quando il servizio è stato annunciato all'inizio del mese.

Si prevede che le compagnie aeree israeliane El Al e Israir lanceranno entrambi i loro servizi commerciali tra le città il mese prossimo. Etihad Airways, con sede nella capitale degli Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi, ha detto che inizierà a volare verso Tel Aviv nel marzo 2021.

I due Paesi hanno già firmato trattati sull'esenzione dal visto - anche se questo non è ancora entrato in vigore - insieme ad accordi sulla protezione degli investimenti, la scienza e la tecnologia.