ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Andalusia, "più maestri, meno Covid"

euronews_icons_loading
Andalusia, "più maestri, meno Covid"
Diritti d'autore  Bernat Armangue/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Genitori e insegnanti in piazza a Malaga, in Andalusia, per protestare contro la mancanza di docenti nelle scuole pubbliche. Secondo i manifestanti, le 6mila nuove assunzioni sono insufficienti per creare classi più piccole, requisito fondamentale per il rispetto delle distanze anti-Covid.

Secondo il ministero della Salute spagnola il 4 settembre si sono registrati oltre 4500 nuovi casi di Coronavirus, di cui oltre 1400 a Madrid.

Ma i sindacati della scuola andalusi sono sul piede di guerra perché sostengono che questa regione autonoma sia penalizzata rispetto alle altre, dove c'è stato un incremento del 15 percento del corpo docente.

fermo immagine video AP
Un insegnante alla protesta di Malagafermo immagine video AP
Quando ci saranno i contagi, chiuderanno le scuole e quindi non potremo più insegnare in classe, che è l'unico modo per fare una formazione di qualità
José Manuel López
insegnante di scuola pubblica