ULTIM'ORA
This content is not available in your region

In Spagna genitori sul piede di guerra. Scuola nel caos

euronews_icons_loading
In Spagna genitori sul piede di guerra. Scuola nel caos
Diritti d'autore  Alvaro Barrientos/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

L'estate è finita e in Spagna molti ragazzi hanno già ripreso le lezioni. Ma da casa, con l'aiuto di un insegnante privato. Questa sarà la loro classe per il resto del corso. Ruth ha deciso di non portare i suoi figli a scuola quest'anno. Teme che possano essere rimandati a casa in caso di tosse o febbre, sintomi compatibili con il Covid-19.

Questa donna, come tanti altri genitori, non può permettersi di fare la quarantena e rischiare di perdere il lavoro: “Penso che sia impossibile che i miei figli, come altri ragazzi, da ottobre a maggio, possano non svegliarsi una mattina con l’influenza, o qualcuno di questi sintomi. Quindi ho dovuto cercare un'alternativa che non incida negativamente sul mio impiego e, naturalmente, non comprometta l'istruzione dei miei figli.”

Genitori spagnoli sul piede di guerra

In seguito alla pandemia da Coronavirus, molte famiglie spagnole hanno preferito optare per i corsi on line. Gli istituti scolastici, dicono, non sono ritenuti sicuri. Quelli che hanno bambini piccoli da asilo nido sta optando di portarli a turno nelle case delle educatrici.

“Con le mamme abbiamo pensato di tenere i piccoli nelle nostre abitazioni; i bambini normalmente non si ammalano così spesso. Un gruppo di quattro bimbi è più sicuro di un gruppo di 20... In questo senso, le possibilità di essere infettati è decisamente minore”, sottolinea Ainhoa Limòn, una mamma che ha un bimbo al nido.

Un’idea bocciata dalle autorità spagnole che fanno sapere che l'istruzione domiciliare non è consentita in Spagna. Tutti i piccoli devono frequentare i centri educativi. Ma 30.000 famiglie si sono già unite in un comitato per rivendicare il diritto di decidere della sicurezza dei propri figli.

Per Veronica Gonzalez, dell'Associazione "DERPA" è un controsenso. "Da un lato, le autorità sanitarie chiedono ai cittadini di non incontrarsi in gruppo , e non fare assembramenti con più di dieci persone. Dall'altro ci esortano a riportare i nostri ragazzi a scuola dove saranno in una classe con 25 studenti.”

"Da un lato, le autorità sanitarie vietano assembramenti con più di dieci persone. Dall'altro esortano a riportare i nostri ragazzi a scuola dove saranno in una classe con 25 studenti.”
Veronica Gonzalez
Associazione "DERPA"

Scuola nel caos

Secondo un recente sondaggio, il 60% dei genitori non ha alcuna intenzione di mandare i figli a scuola a settembre. Secondo loro non esiste un protocollo affidabile e preciso per poter tornare sui banchi. E tutto questo a pochi giorni dalla riapertura degli istituiti.

I sindacati di Madrid hanno indetto uno sciopero fino a quando la sicurezza di insegnanti e alunni non sarà garantita. Isabel Galvín, portavoce del Sindacato C.C.O.O. le strutture non sono sufficienti. Non c'è abbastanza personale medico per fare assistenza nelle scuole. Non sono arrivate ancore le mascherine e altri dispositivi di protezione individuale per gli insegnanti.

Con un tasso di 400 infezioni ogni 100.000 persone, la capitale spagnola è ben al di sopra delle raccomandazioni dell'OMS per un ritorno sicuro a scuola. Ma le autorità regionali assicurano che il rischio di trasmissione sarà molto basso e che i bambini hanno maggiori probabilità di contrarre il Covid-19 fuori dalle aule.