EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Spagna: scioperi nelle scuole (ancor prima di cominciare)

Spagna: scioperi nelle scuole (ancor prima di cominciare)
Diritti d'autore Emilio Morenatti/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Emilio Morenatti/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli insegnanti incrociano le braccia per protestare contro le mancate misure per prevenire nuovi contagi di Coronavirus. I sindacati chiedono distanziamento sociale di un metro e mezzo tra gli studenti e più assunzioni tra gli insegnanti.

PUBBLICITÀ

Sciopero degli insegnanti a settembre.

A Madrid, i sindacati della scuola hanno indetto uno sciopero all'inizio dell'anno scolastico per protestare contro la mancanza di misure per prevenire il Coronavirus.

Lo sciopero inizierà il 4 settembre nelle scuole materne, l'8 settembre nei centri di educazione infantile, elementare e speciale, il 9 negli istituti scolastici e il 10 in tutti gli altri livelli di insegnamento.

La principale preoccupazione dei sindacati degli insegnanti è che le scuole diventino fonte di contagio: quindi è essenziale che gli studenti mantengano una distanza di sicurezza di un metro e mezzo tra di loro.

Spiega José Ramón Merino, responsabile della politica educativa della Confederazione dei PAS, il sindacato di maggioranza nella Pubblica Istruzione in Spagna.

"Troppi studenti per ogni classe"

"Con l'attuale numero di studenti per classe, che è di 25 nella scuola materna e primaria, 30-35 nella secondaria, è assolutamente impossibile mantenere la distanza di sicurezza. La prima misura da applicare è quella di abbassare il numero di studenti per classe in modo da poter mantenere la distanza di sicurezza. Pertanto, devono essere assunti più insegnanti per poter dividere i gruppi, per poter fare gruppi più piccoli".

Screenshot AP Photo
"Servono molti più insegnanti", dice il sindacalista.Screenshot AP Photo

Manca un paio di settimana all'inizio dell'anno scolastico

Il governo spagnolo ha assegnato due miliardi di euro alle comunità autonome per adottare misure di sicurezza, ma ne utilizzeranno meno della metà per assumere insegnanti.

"Ne verranno assunti meno di 25.000 e per contestualizzarlo abbiamo la situazione in Italia: ha già assunto 84.000 insegnanti per il prossimo anno. In Spagna siamo in una situazione piuttosto carente per quanto riguarda la prima misura di sicurezza, che è la distanza interpersonale", aggiunge osé Ramón Merino.

Tuttavia, l'aumento del numero di infezioni è la chiave che determinerà quando inizierà l'anno scolastico in Spagna e in quali condizioni.

"Se la trasmissione del virus continua a salire come adesso, forse non dovremo nemmeno chiederci se ci sarà o meno un ritorno a scuola", spiega Quique Basset, dell'Istituto spagnolo di epidemiologia.

Screenshoy AP Photo
L'epidemiologo è preoccupato: "Se la trasmissione del virus continua...".Screenshoy AP Photo

Mancano solo un paio di settimane all'inizio del nuovo anno scolastico in Spagna.

Rimane l'incertezza totale sull'organizzazione delle classi a tutti i livelli di istruzione, per evitare nuove epidemie di Covid-19.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Italia, riaprono le scuole (con qualche soluzione alternativa)

Andalusia, "più maestri, meno Covid"

Conto alla rovescia per la "Nuova Scuola", banchi, mascherine, docenti: cosa c'è e cosa manca