ULTIM'ORA
This content is not available in your region

D-Day: commemorazioni per pochi, durante il 76esimo anniversario dello sbarco

euronews_icons_loading
Il veterano Charles Norman Shay posa sulla duna che si affaccia su Omaha Beach. Francia
Il veterano Charles Norman Shay posa sulla duna che si affaccia su Omaha Beach. Francia   -   Diritti d'autore  AP Photo/Virginia Mayo
Dimensioni di testo Aa Aa

Quest'anno le celebrazioni per il 76esimo anniversario del D-Day - lo sbarco in Normandia che segnò l'inizio della liberazione dell'Europa dall'occupazione tedesca durante la seconda guerra mondiale - sono particolari. In tempo di pandemia, sono pochi ad aver partecipato all'alba alla commemorazione privata a Omaha Beach.

Ma il sindaco di Saint-Laurent-sur-Mer, Philippe Laillier, ci teneva a questo omaggio, per non dimenticare: "Quando diciamo che non dimentichiamo, non è tanto per dire", ha detto il primo cittadino. "Lo diciamo sul serio: noi non dimentichiamo. Ieri sera ho parlato con gli americani, che non possono essere qui oggi. Ma ci sono con il pensiero. Qualunque cosa accada, il 6 giugno in Normandia, non possiamo dimenticare".

Oltre al veterano Charles Norman Shay, habitué delle celebrazioni che a quasi 96 anni si è fatto portabandiera, alcuni funzionari locali, dei rievocatori in uniforme americana e qualche giornalista. Davanti a loro, la scultura "Les Braves" (i coraggiosi).

A breve distanza tre gendarmi sorvegliano, per impedire l'accesso al pubblico o ai curiosi. Un cartello "Cerimonia privata" scoraggia coloro che vogliono avvicinarsi troppo.