EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Roma: Musei Vaticani e Colosseo riaprono dopo la chiusura per Covid-19

Il Colosseo con le luci del tricolore
Il Colosseo con le luci del tricolore Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel primo giorno di riapertura, file ai Musei Vaticani e al Colosseo: Roma riscopre i luoghi simbolo della cultura dopo la chiusura Covid

PUBBLICITÀ

Secondo Stendhal andare al museo abitua l'anima a sentire la bellezza.
Da qualche ora romani e visitatori possono, dunque, tornare a vibrare, grazie alla riapertura dei Musei Vaticani e del Parco del Colosseo: un altro tassello dopo la ripresa dell'attività ai Capitolini, al MAXXI e a Palazzo Braschi.

Musei Vaticani: prenotazione obbligatoria e misure di sicurezza

Per immergersi nella magia della Cappella Sistina o delle opere di Raffaello, l'artista amato dai Pontefici, è obbligatorio prenotare attraverso il portale ufficiale: gli accessi sono contingentati con fasce di ingresso di 15 minuti ciascuna.
Nelle sale e nei giardini è obbligatorio l'utilizzo delle mascherine facciali. Accesso negato per chi avrà la temperatura corporea superiore ai 37,5° C.
Misure di sicurezza che sono state adottate anche per l'ingresso al Colosseo. Un piccolo pedaggio per restituire alla città uno dei suoi luoghi iconici. 

Il Colosseo riapre i cancelli: "Un segno di speranza"

Il Colosseo è tornato ad accogliere i visitatori dopo 84 giorni di chiusura a causa del lockdown per l'epidemia di coronavirus.
La riapertura dei cancelli dell'Anfiteatro Flavio è avvenuta stamattina intorno alle 10.30. Come ogni altro luogo della cultura, al Parco si può entrare dopo aver misurato la temperatura con un termoscanner intelligente. La mascherina non è derogabile durante la visita al sito.

"Stiamo riaprendo un luogo simbolo di Roma, un simbolo per l'Italia - ha commentato il direttore del Parco archeologico del Colosseo, Alfonsina Russo - è un segno di speranza e di ripartenza. Un segno di ripresa con un ritmo diverso, con un turismo più sostenibile, compatibile con le nostre città e con il benessere dei cittadini".
Con oltre 7,5 milioni di ingressi nel 2019, il Colosseo occupa stabilmente la vetta dei siti più visitati in Italia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Fase 2: porte aperte alla Galleria Borghese, gli altri musei aspettano

Covid 19: in Italia i musei riaprono nel segno di Raffaello

Scoperto a Pompei un salone con affreschi sulla guerra di Troia