ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Operazione anti riciclaggio, due arresti

Operazione anti riciclaggio, due arresti
'Rapporti soggetti contigui clan Camorra-imprenditori conciario'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – FIRENZE, 11 MAG – Denaro frutto di attività illecite
per centinaia di migliaia di euro, che veniva ‘ripulito’
attraverso l’invio ad alcune concerie della Toscana, con sede
tra Firenze e Pisa, grazie a una rete di spedizionieri
compiacenti. E’ quanto scoperto dai carabinieri nell’ambito di
un’inchiesta della Dda di Firenze che ha portato a due arresti
eseguiti su disposizione del gip Silvia Romeo. Indagate
complessivamente 18 persone. In manette, su richiesta del pm
Giuseppina Mione, due uomini residenti a Napoli: Ciro
Taglialatela (figlio di Bruno Taglialatela, esponente di spicco
del clan camorristico Lo Russo) e Vincenzo Bocchetti. Le accuse
sono di riciclaggio, impiego di denaro di provenienza illecita
ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. Per l’accusa
i due, in qualità di referenti di ditte di pellami di Casavatore
(Napoli), avrebbero trasferito alle concerie toscane denaro da
riciclare: attraverso fatture false ricevevano in cambio
pagamenti con bonifici. I soldi venivano poi restituiti in
contanti.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.