"Al Trivulzio medico malato a febbraio"

"Al Trivulzio medico malato a febbraio"
Infermiera a pm, 'anche caposala nel reparto degenti Pringe'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 09 MAG - Al reparto 'Pringe', ossia pronto intervento geriatrico, del Pio Albergo Trivulzio di Milano, dove "transita ogni paziente" proveniente da ospedali e ricoverato nella struttura, "già alla fine di febbraio" un medico e una caposala "si assentavano per malattia" per sospetto Covid. E' quanto è scritto in una delle denunce di infermieri e operatori finite nell'inchiesta della Procura di Milano per epidemia e omicidio colposi sulle oltre 200 morti di anziani nell'istituto dall'inizio dell'emergenza. I "casi di contagio tra i sanitari sono stati e sono ad oggi numerosi", scrive un'infermiera nella denuncia, e tra questi cita appunto quelli di un medico in servizio al 'Pringe' e di una caposala. Reparto nel quale, tra l'altro, stando alle analisi delle cartelle cliniche sequestrate dalla Gdf nel corso delle perquisizioni dei giorni scorsi, già a partire da gennaio ci sarebbero stati casi di polmoniti sospette. Al Pringe, tra l'altro, a metà marzo arrivarono una ventina di pazienti provenienti da altri ospedali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Fonti vicine a Navalny: "Trattative per uno scambio di detenuti" poco prima della morte

Le notizie del giorno | 26 febbraio - Serale

Nato: Ungheria ratifica la richiesta d'adesione della Svezia. Budapest era l'ultimo ostacolo