Orefici, con mascherine 'rapine facili'

Orefici, con mascherine 'rapine facili'
12 giorni fa nel Napoletano primo 'colpo', ma bandito arrestato
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 24 APR - Mascherine e distanziamenti sociali saranno una grande occasione per i malviventi: a lanciare l'allarme, dalle pagine de Il Mattino, è Roberto De Laurentiis, presidente del Consorzio Borgo Orefici di Napoli che annovera anche le "rapine facili" nella lunga lista delle difficoltà che la pandemi da coronavirus ha causato a un settore in cui 3mila aziende danno lavoro a 40mila persone. "Saremo costretti a far abbassare la mascherina al cliente prima di entrare", annuncia De Laurentiis. Lo scorso 16 aprile, nel Napoletano, si è registrato il primo caso di rapina con questa modalità: è accaduto a Caivano dove un uomo armato di coltello e con sul volto una mascherina chirurgica al posto del passamontagna ha rapinato 600 euro in una farmacia. Il bandito, un 43enne già noto alle forze dell'ordine, è stato riconosciuto dai militari grazie alle immagini dei sistemi di videosorveglianza. Poco dopo è stato rintracciato e arrestato con addosso ancora una parte del bottino. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti: anniversario strage di Cutro, i parenti delle vittime denunceranno il governo italiano

Fonti vicine a Navalny: "Trattative per uno scambio di detenuti" poco prima della morte

Le notizie del giorno | 26 febbraio - Serale