Papa, rischio virus peggiore: l'egoismo

Papa, rischio virus peggiore: l'egoismo
'E' dire che andrà tutto bene se andrà bene per me'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 19 APR - C'è un virus peggiore del Covid-19: "l'egoismo indifferente". Lo ha detto Papa Francesco nell'omelia della Messa a Santo Spirito in Sassia. "La misericordia non abbandona chi rimane indietro. Ora, mentre pensiamo a una lenta e faticosa ripresa dalla pandemia, si insinua proprio questo pericolo: dimenticare chi è rimasto indietro. Il rischio è che ci colpisca un virus ancora peggiore, quello dell'egoismo indifferente. Si trasmette a partire dall'idea che la vita migliora se va meglio a me, che tutto andrà bene se andrà bene per me". La pandemia del coronavirus può essere invece l'occasione per "risanare le ingiustizie" e "rimuovere le disuguaglianze". Nella corsa alla ripresa del post-emergenza il rischio è infatti quello di "selezionare le persone, scartare i poveri, immolare chi sta indietro sull'altare del progresso. Questa pandemia ci ricorda però - ha indicato il pontefice - che non ci sono differenze e confini tra chi soffre. Siamo tutti fragili, tutti uguali, tutti preziosi".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia, il Musée Grévin di Parigi rafforza la sicurezza per gli attivisti ambientali

Italia Paese più vecchio d'Europa: preoccupati gli economisti

Guerra in Ucraina, Zelensky: "Lanceremo una nuova controffensiva"