EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Coronavirus: allarme rosso in Africa, colpiti 48 su 54 Paesi

Coronavirus: allarme rosso in Africa, colpiti 48 su 54 Paesi
Diritti d'autore Sunday Alamba/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Sunday Alamba/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il contagio avanza e sempre più Paesi adottano le misure di confinamento; il Sudafrica lo Stato con più casi

PUBBLICITÀ

Cosa accadrebbe se il coronavirus si diffondesse massicciamente là dove anche lavarsi le mani può essere difficile e spesso un reparto di terapia intensiva è un miraggio? Purtroppo sta accadendo, il cornavirus ha toccato quasi tutti i Paesi africani, 48 su 54. Oltre 5400 i contagi oltre 170 le vittime recensite. La fascia più colpita è l'Africa del nord: Egitto, Algeria, Tunisia insieme al Sudafrica, Paese che registra più casi in assoluto e dove venerdì sono iniziati 21 giorni di confinamento.

Achim Steiner, amministratore del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), sottolinea l'inadeguatezza delle strutture sanitarie (in Sud Sudan, ad esempio, non c'è neanche un reparto di terapia intensiva). Per l'OMS la situazione in Africa è drammatica. 

Confinamento e chiusura delle frontiere

In Sudafrica, dove i casi sono più di 1300 preoccupano i tanti malati di AIDS. Oltre al Sudafrica anche il Rwanda è in confinamento, idem il Mozambico, il Botswana lo sarà da domani mentre in Kenya c'è il coprifuoco; e oltre 20 sono i Paesi africani che hanno chiuso le frontiere. 

"Le guerre hanno già distrutto gli ospedali", avverte la Croce Rossa

Il Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr) esprime preoccupazione per le regioni del continente colpite da conflitti visto che molti ospedali sono già stati danneggiati e si è a corto di acqua pulita e sapone necessari per combattere il virus. Nel nord del Mali, il 93 per cento delle strutture sanitarie è già stato distrutto. In Burkina Faso la popolazione della città di Djibo (Sahel) è raddoppiata e il distanziamento sociale è quindi impossibile. Nel frattempo le restrizioni ai viaggi introdotte da alcuni stati africani potrebbero arrestare i programmi di aiuto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Coronavirus: il lockdown non ha confini. Tutti a casa, dall'India al Sudafrica

L'Africa subsahariana è in grado di far fronte al coronavirus?

Morto il vicepresidente del Malawi, trovato il relitto dell'aereo scomparso