ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Industria: il virus interrompe la filiera globale, le aziende temono la crisi

euronews_icons_loading
Industria: il virus interrompe la filiera globale, le aziende temono la crisi
Diritti d'autore  image euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

I limiti della globalizzazione si vedono tutti, adesso, a crisi sanitaria deflagrata, Un esempio è quello della Cube Precision, fabbrica alla periferia di Birmingham, che produce pezzi di ricambio per auto e aerei, venduti in tutto il mondo.
"Laddove ci sono problemi dall'altra parte del mondo, questi influenzano il nostro modo di operare quotidiano", commenta il manager dello stabilimento, Neil Clifton, "alcuni dei materiali provengono dall'Estremo Oriente, altri dall'Europa continentale - alcuni dei luoghi attualmente in isolamento. Se non riusciamo a far entrare quel materiale, non possiamo 'lavorarlo' e venderlo ai nostri clienti. Questo ridurrà le nostre entrate e ci metterà sicuramente sotto pressione".

Se la filiera globale si interrompe, le aziende si fermano

Per aziende come questa nel Regno Unito, il crollo delle vendite in Cina, innescato da Covid-19, ha già avuto un forte impatto. Cube Precision Ltd ha 50 dipendenti, produce pezzi per Jaguar Land Rover, che ha recentemente ridimensionato la produzione. I problemi lungo la catena di fornitura, che qui hanno viaggiato più velocemente del virus stesso, accrescono il livello di incertezza delle realtà produttive.

Economia: con il coronavirus "tempesta perfetta, parte seconda"

Per Euronews, Luke Hanrahan spiega i problemi di filiera: "Per i produttori di medie dimensioni, qui, nelle Midlands britanniche, quello che succede in Cina è importante perché questo è un settore globale interconnesso, che produce automobili e aerei in tutto il mondo. È un ingranaggio in una ruota molto grande".
David Bailey, professore di economia aziendale all'Università di Birmingham, ha descritto la congiuntura come ''la tempesta perfetta, parte seconda", il prosieguo di una crisi, ''la tempesta perfetta'', partita da lontano. Il Coronavirus colpisce e accresce l'incertezza "sia con la potenziale interruzione sia della domanda, e quindi delle vendite, che con lo stop alla catena di fornitura, che non è in grado di garantire l'approvvigionamento dei componenti nel luogo di produzione".

Dal settore automobilistico alla siderurgia, i settori colpiti nel Regno Unito

Non è solo il settore automobilistico ad essere stato colpito dal coronavirus. Ad esempio, la Dyfed Steels Ltd, azienda siderurgica gallese, dipende in buona parte dalla Cina per le materie prime. "Compriamo in tutto il mondo, acquistiamo dall'Europa, dalla Cina, ovunque - dice Matthew Price della Dyfed Steels - con il Coronavirus alcuni contratti sono ora diminuiti, addirittura dimezzati, alcuni sono passati a un quarto".

Ci sono alcune aziende che hanno la possibilità di sostituire i contratti che i clienti cinesi non sono stati in grado di rispettare, ma la perturbazione senza precedenti della filiera globale avrà inevitabilmente un drastico impatto sulla catena di fornitura di molte fabbriche in Europa. La tempesta perfetta per l'economia mondiale, soprattutto se la risposta all'emergenza non diventa globale.