ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus batte il Mobile World Congress

euronews_icons_loading
Coronavirus batte il Mobile World Congress
Diritti d'autore
Cristina Giner
Dimensioni di testo Aa Aa

La paura del coronavirus ha battuto il Mobile World Congress di Barcellona, l'evento di riferimento per il mondo della telefonia a livello globale, cancellato quest'anno dopo la pioggia di rinunce da parte di molti espositori. Pesanti le conseguenze sul piano economico: persi 14.000 posti di lavoro temporanei e buona parte dei 490 milioni di giro d'affari previsto.

"Veniamo da Madrid per montare uno stand, ma niente da fare, dobbiamo ripartire. Ci rimetteremo stavolta, come tutti", spiega un tecnico. Nella lista degli scontenti anche i taxisti, che prevedono un calo del trenta per cento del loro volume di lavoro. Alcuni di loro però si mostrano comprensivi: "Questa decisione ci colpisce, togliendoci un bel po' di lavoro. Era meglio se lo avessero semplicemente rinviato a quando la crisi sarà rientrata, ma va bene cosi: è più importante la salute di una fiera".

Mancati incassi in vista anche per gli albergatori, le ditte di catering e i loro fornitori, come spiega il direttore di un ristorante di lusso:"Da stamattina alle otto stiamo ricevendo decine di email per cancellare le prenotazioni. Parliamo di diverse migliaia di euro in tre giorni, decine di migliaia di euro se non di più. Quella che per noi sarebbe stata la settimana decisiva per i bilanci annuali sarà una settimana come un'altra".

In base ai contratti Barcellona ospiterà il Mobile World Congress fino al 2023, e gli organizzatori hanno già fatto sapere che riprenderanno a lavorare insieme in vista della prossima edizione.

Cristina Giner, Euronews: "Adesso si profila una lunga battaglia giudiziaria per stabilire chi dovrà pagare i danni dopo la cancellazione. Le assicurazioni di solito non coprono rischi del genere, soprattutto se non ci sono allarmi specifici per la Spagna".

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.