ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Confine Serbia-Ungheria: una nave dragamine pattuglia il fiume Tisza per fermare migranti

euronews_icons_loading
La nave dragamine "Baja" sul fiume Tisza, al confine tra Serbia e Ungheria.
La nave dragamine "Baja" sul fiume Tisza, al confine tra Serbia e Ungheria.   -   Diritti d'autore  Copyright Euronews Hungary
Dimensioni di testo Aa Aa

La nave dragamine "Baja" sta uscendo per una missione di pattugliamento al confine di Ungheria e Serbia sul fiume Tisza, un affluente del Danubio.

La missione congiunta tra Budapest e Belgrado si svolge nella zona di confine con l'obiettivo di fermare i migranti che cercando di attraversare illegalmente il fiume.

Il governo ungherese di Viktor Orbán sostiene che il numero di migranti sia aumentato nelle ultime settimane. La settimana scorsa ci sono stati 700 tentativi di attraversamento illegale delle frontiere.
Ciò non significa che 700 persone abbiano tentato di entrare di nascosto nell'UE: molti di loro, se fermati dalla poliziano, tentano e ritentano più volte.

"Un piccolo assedio"

Per il vice-ministro della Difesa l'Ungheria è sotto un "piccolo assedio".

"Se i migranti vengono in gruppo, hanno sempre delle guide. Hanno un'attrezzatura eccellente, abbiamo trovato visori notturne e persino un sensore di terra. Ma anche vanghe, cellulari, mappe, elenchi di indirizzi, numeri di taxi, hanno tutto. Sono molto ben organizzati per attraversare il confine dell'Ungheria", spiega il vice-ministro della Difesa, Szilárd Németh.

Euronews
Szilárd Németh, ministro della Difesa ungherese, al microfono di Euronews.Euronews

Serbia: non siamo ai livelli del 2015

Anche dall'altra parte del confine, in Serbia, è visibile l'aumento del numero di migranti. Ma la situazione non è ancora ai livelli del 2015 e, ad oggi, non ci sono state tensioni tra migranti e popolazione locale.
Il coordinatore degli rifugiati di Kanjiža, piccola città di confine, ha dichiarato a Euronews che solo qualcuno cerca di superare la recinzione del confine.

"I migranti vogliono a tutti i costi varcare il confine"

Euronews

Spiega Róbert Lackó, coordinatore dei rifugiati in Serbia:

"Se parlate con i migranti qui, vi diranno che i loro parenti sono in Austria, i loro amici sono al di là del confine, e così via. E, purtroppo, questo li incoraggia. La comunicazione è molto buona tra di loro, come sappiamo. Vogliono a tutti i costi varcare il confine".

I rischi di attraversare il fiume

Ma tentare di attraversare il fiume è pericoloso: pochi minuti nell'acqua gelida sono sufficienti per provocare la morte per ipotermia. Le autorità serbe e ungheresi sperano che la nave "Baja" dissuada i migranti dall'attraversare il fiume Tisza.

Euronews
Adám Magyar, a bordo della dragamine "Baja".Euronews