Campione d'Italia entra nell'Unione europea, tra dubbi e incertezze

Campione d'Italia entra nell'Unione europea, tra dubbi e incertezze
Diritti d'autore AFP
Di Cinzia Rizzi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli abitanti dell'enclave italiana in Canton Ticino da questo 1 gennaio dovranno passare i controlli doganali per accedere alla Svizzera

PUBBLICITÀ

Campione d'Italia "zona franca" è ormai una vecchia storia. Dall'1 gennaio l'enclave italiana in Svizzera entra ufficialmente nell'area doganale dell'Unione europea. Un cambiamento radicale, voluto da Roma, che suscita dubbi e incertezze tra i 2.000 abitanti che fino a oggi hanno goduto di uno status speciale.

In pratica cosa significa? Innanzitutto che per andare in Svizzera i campionesi dovranno passare i controlli doganali. I residenti d'ora in poi, inoltre, saranno tenuti a pagare le accise italiane su prodotti energetici e alcolici, ad esempio; e alla vendita di beni e servizi per la prima volta verrà imposta l'Iva (che si chiamerà però Ilcci).

E se alcune delle questioni spinose, come sanità e istruzione, pare siano state risolte in modo per lo meno temporaneo, restano ancora dubbi legati all'economia, in particolare dopo il fallimento del Casinò nel 2018, che gravò e non poco nelle casse comunali.

Video editor • Cinzia Rizzi

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brennero, agricoltori italiani alla frontiera con l'Austria, Coldiretti: "difendere made in Italy"

L’Europa e il Papa: ecco il libro di Francesco “LIFE. La mia storia nella Storia”

È morto Vittorio Emanuele di Savoia, figlio dell'ultimo re di Italia