Strage Gargano: teste,in azione 3 killer

Strage Gargano: teste,in azione 3 killer
'Io non sono un eroe, i signori Luciani sono i veri eroi'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FOGGIA, 30 SET - "Verso le 9:30" del 9 agosto del 2017 io e un mio amico "abbiamo sentito dei colpi. Prima alcuni, forse cinque. Inizialmente abbiamo pensato fossero fuochi d'artificio. Poi altri colpi. Allora sono uscito dal casolare e lì ho visto una macchina grigia metallizzata dalla quale sono scese almeno tre persone che hanno fatto fuoco. Io non vedevo a cosa sparassero perché sparavamo verso la stazione". È apparso provato dall'emozione Antonio Pazienza, l'agricoltore 42enne di San Giovanni Rotondo (Foggia) che questa mattina ha testimoniato in Corte d'Assise, a Foggia, nel processo a carico di Giovanni Caterino, ritenuto dall'accusa il basista del commando armato che ha compiuto la strage di mafia di San Marco in Lamis, in cui vennero uccisi i fratelli Aurelio e Luigi Luciani, il boss di Manfredonia Mario Luciano Romito ed il cognato Matteo de Palma. L'uomo è stato ascoltato come testimone del quadruplice omicidio. "Non mi sento assolutamente un eroe. I signori Luciani - ha aggiunto - sono i veri eroi".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni parlamentari e amministrative in Bielorussia: affluenza al 73 per cento

Proteste degli agricoltori a Bruxelles, trattori e roghi nel Quartiere europeo

Le notizie del giorno | 26 febbraio - Pomeridiane