Agguato in ospedale, tre arresti

Agguato in ospedale, tre arresti
Movente legato a traffico droga, scena crimine ricostruita in 3D
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 24 SET - Lo scorso 17 maggio, nel cuore di Napoli, "gambizzarono" un giovane, Vincenzo Rossi, e poi spararono nell'ospedale Vecchio Pellegrini contro i suoi soccorritori: i Carabinieri e la Polizia di Stato hanno arrestato oggi tre persone ritenute responsabili di quelle vicende, che suscitarono allarme in città. Si tratta di Giuseppe Iaselli, 19 anni, il primo a sparare, di Vincenzo D'Avino, 22 anni, e di Arturo Picco, 30 anni. Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di tentato omicidio, lesioni personali gravi e detenzione e porto illegale di armi comuni da sparo, con l'aggravante del metodo mafioso. L'agguato è maturato, secondo gli inquirenti della Dda, in un contesto camorristico e specificatamente nell'ambito del traffico di droga. I carabinieri della Sezione Investigazioni Scientifiche sono riusciti a ricostruire la scena del crimine in 3D. Determinanti si sono rivelate le immagini dei sistemi di videosorveglianza acquisite e le intercettazioni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lo zoo di Madrid restituisce alla Cina una famiglia di cinque panda giganti

Le notizie del giorno | 01 marzo - Pomeridiane

Inflazione nell'eurozona in calo al 2,6% a febbraio