EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Norvegia, un pezzo di montagna si stacca dopo anni di allarmi ed evacuazioni

Norvegia, un pezzo di montagna si stacca dopo anni di allarmi ed evacuazioni
Diritti d'autore Reuters / NTB SCANPIX
Diritti d'autore Reuters / NTB SCANPIX
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"Pensare che ora tutti possono tornare nelle loro case e non avere la costante paura di ciò che succederà, non dover pensare a spostarsi, e fare avanti e indietro ogni volta. E' finito un incubo", ha esclamato il sindaco di Rauma dove ¨è avvenuta la frana.

PUBBLICITÀ

La parte da sempre più pericolante della montagna Mannen (in italiano "piccolo uomo") della Norvegia, a Romsdalen, alla fine è crollata durante la notte di giovedì 5 settembre. Per cinque anni i residenti sono stati sottoposti a frequenti evacuazioni. E ora possono dirsi sollevati. Con loro anche i geologi che monitorano dal 2014 la situazione. I tremori della spettacolare frana sono stati registrati fino alle città più vicine, secondo la Rete sismica nazionale norvegese dell'Università di Bergen. Un impatto senza eguali sulla valle.

Il sindaco della valle di Rauma, Lars Olav Hustad, si dice sollevato e visibilmente emozionato per i suoi concittadini parla di fine di un incubo:

"Pensare che ora tutti possono tornare nelle loro case e non avere la costante paura di ciò che succederà, non dover pensare a spostarsi e fare avanti e indietro ogni volta... E' finito un incubo"

Per 16 volte sin dal 2014 i residenti sono stati costretti a evacuare, sin da quando l'instabilità della montagna aveva iniziato a innescare allarmi. Tutti però si sono sempre rifiutati di lasciare le abitazioni, appartenenti alle loro famiglie da generazioni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Val Chisone, la montagna in bianco e nero

Norvegia: perdite radioattive dal sottomarino Komsomolec, 30 anni dopo

Papua Nuova Guinea, si temono una seconda frana e le epidemie