EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Norvegia: perdite radioattive dal sottomarino Komsomolec, 30 anni dopo

Norvegia: perdite radioattive dal sottomarino Komsomolec, 30 anni dopo
Diritti d'autore INSTITUTE OF MARINE RESEARCH NORWAY/ÆGIR 6000
Diritti d'autore INSTITUTE OF MARINE RESEARCH NORWAY/ÆGIR 6000
Di Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Una spedizione marina congiunta Norvegia-Russia ha rilevato una perdita dal sottomarino nucleare russo Komsomolec, affondato nel 1989 a sud-ovest dell’Isola degli Orsi, nel Mar Glaciale Artico. Nell'affondamento del sottomarino, causato da un incendio, morirono 42 dei 69 membri dell'equipaggio.

PUBBLICITÀ

Una perdita radioattiva, 30 anni dopo.
Una spedizione marina congiunta Norvegia-Russia l'ha rilevata dal sottomarino nucleare russo Komsomolec, affondato nel 1989 a sud-ovest dell’Isola di Bjørnøya, l'Isola degli Orsi, nel Mar Glaciale Artico tra Capo Nord e le isole Svalbard.

L'operazione di monitoraggio delle radiazioni.

Sebbene con un livello di radioattività 100.000 volte superiore alla norma, secondo i ricercatori le radiazioni sono da considerarsi molto contenute: sono pari a circa 100 Becquerel per litro, contro gli 0,001 per litro rilevati in altre aree del Mare di Norvegia.
Le radiazioni non sono considerate pericolose per la fauna marina né per le persone.
Il Komsomolec funzionava grazie a un singolo reattore nucleare e aveva due testate nucleari, tutti ancora presenti a bordo a una profondità di circa 1700 metri.
Nel suo inabissamento, dovuto a un incendio, morirono 42 dei 69 membri dell’equipaggio. Era il 7 aprile 1989.

Il relitto si trova attualmente a sud-ovest dell'isola di Bjørnøya.

La spedizione russo-norvegese per misurare le perdite radioattive dal relitto del Komsomolets è iniziata sabato scorso, quando la nave da ricerca norvegese G.O. Sars è salpata da Tromsø.

Poiché il sottomarino giace ad una notevole profondité, oltre un km e mezzo, come detto, la raccolta di campioni di acqua marina e del fondale è considerata difficile. Pertanto, i ricercatori hanno utilizzato il mini sottomarino telecomandato norvegese Ægir 6000, che ha anche scattato fotografie ed effettuato riprese del relitto.

I vertici dell'Istituto norvegese di ricerca hanno dichiarato di non essere sorpresi dai risultati, dal momento che una spedizione russa del 2007 aveva già riscontrato emissioni radioattive dal sottomarino affondato.

Precedenti indagini norvegesi hanno anche rilevato elevate concentrazioni di cesio 137 nell'acqua intorno al relitto nel periodo 1991-1993.
Dal 1990 la Norvegia tiene sotto controllo le perdite dal relitto del sottomarino sovietico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Norvegia, un pezzo di montagna si stacca dopo anni di allarmi ed evacuazioni

Francia, ritrovato un sottomarino scomparso 51 anni fa

Difesa: 20mila soldati Nato per l'esercitazione Nordic Response, in Albania inaugurata base a Kucova