EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Migranti, Alan Kurdi: stop anche da Trenta e Toninelli

Migranti, Alan Kurdi: stop anche da Trenta e Toninelli
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo il veto di Matteo Salvini, il decreto che vieta lo sbarco la nave della ONG tedesca Sea Eye è stato sottoscritto anche dai Ministri Elisabetta Trenta e Danilo Toninelli

PUBBLICITÀ

Dopo il veto di Matteo Salvini, il decreto che vieta lo sbarco alla Alan Kurdi è stato sottoscritto anche dai Ministri Elisabetta Trenta e Danilo Toninelli.

Erano in 13, stipati su un barchino di legno a 34 miglia nautiche dall'isola di Lampedusa, in acque SAR maltesi: tra loro anche 8 bambini. Li ha soccorsi la Alan Kurdi della ong tedesca Sea Eye.

La nave ha chiesto un porto sicuro ma da La Valletta e Roma non sono arrivate indicazioni: Salvini ha già firmato il divieto di ingresso, transito e sosta nelle acque territoriali italiane.

Intanto, non si è ancora sbloccata la situazione della nave Mare Jonio, ferma davanti a Lampedusa: a bordo ci sono 34 persone a bordo, mentre 64 persone erano state in precedenza autorizzate a sbarcare.

Nella notte, altri ventuno tunisini sono arrivati a Lampedusa, probabilmente con una barca che le forze dell'ordine stanno ancora cercando.

I migranti si erano divisi e avevano preso strade diverse sull'isola: dopo averli rintracciati, la Polizia li ha portati nel locale centro di accoglienza.

Alcuni sono stati medicati per piccole escoriazioni, dovute forse allo sbarco in una zona rocciosa.

Nella giornata di sabato, altri 46 migranti di nazionalità algerina sono arrivati in Sardegna.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti: forza il blocco, sequestrata la nave ong "Eleonore"

Mare Jonio: sbarcano 60 migranti a Lampedusa

Mediterraneo, la nave di Emergency salva 87 migranti alle deriva