Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

La desertificazione dell'Amazzonia

La desertificazione dell'Amazzonia
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Questo non è lo scenario di un film di George Miller ma l'Amazzonia dei fuochi, annata 2019. Niente più a che vedere con Macondo degli indigeni felici descritti dal nobel Gabriel García Márquez o del Grande Sertao di Joao Guimaraes Rosa.

Quel che resta dell'Amazzonia

La carcassa dell'Amazzonia è ancora ricca di foreste, oro, terre ubertose da spolpare e i membri della comunità indigena Kayapo, stanziati lungo le sponde del fiume Curua, vanno a caccia di cercatori illegali e taglialegna che col nuovo governo brasiliano sembrano ringalluzziti.

Mydje Kayapo, capo indigeno:Siamo monotoni ma dobbiamo davvero combattere contro il governo, contro i taglialegna e dire loro: non qui! La nostra vita è la foresta, questa natura ci appartiene. Se aggredite queste terre reagiremo. Non sono solo io, ma i principali leader indigeni sono preoccupati per la situazione che ci sta uccidendo.

L'assedio del fuoco

Nel 2019 il Brasile ha registrato 83.000 incendi, con un aumento del 77% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Mydje Kayapo:Molti boscaioli di frodo si sentono forti adesso che hanno un presidente che sostiene il loro ingresso nella riserve indigene. E accade che alcuni di questi sono già entrati nella riserve indigene per fare quello che vogliono. Abbiamo bisogno di aiuto perchè quel che resta della riserva è di nuovo sotto minaccia.

Il mondo della selva, un universo che sembra inesauribile ma non lo è

Con oltre il 98% di terre selvagge interne all'Amazzonia il Brasile sconta minacce particolarmente gravi che sono simultaneamente ambientali e sociali; i gruppi come i Kayapo vedono precluso il futuro per i loro figli.