Vigile ucciso: complice resta in carcere

Vigile ucciso: complice resta in carcere
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - "L'incitamento di Stizanin alla fuga rappresenta il contributo iniziale alla condotta criminosa che ha portato, senza soluzione di continuità, all'investimento e alla conseguente uccisione dell'agente di polizia Savarino". Lo scrive il Tribunale del Riesame di Milano che ha confermato l'ordinanza cautelare in carcere per Milos Stizanin, nomade serbo che era nell'auto guidata dal 17enne Remi Nikolic, che il 12 gennaio del 2012 travolse e uccise il vigile urbano Niccolò Savarino, mentre svolgeva un controllo in un parcheggio. Lo scorso luglio, infatti, a oltre 7 anni di distanza dalla morte dell'agente di Polizia locale, a Stizanin, già detenuto per fatti di droga commessi in Serbia e che era in attesa di estradizione, è stata notificata in carcere un'ordinanza con l'accusa di concorso in omicidio volontario aggravato. Provvedimento emesso su richiesta del pm di Milano Mauro Clerici dopo che in appello nel 2018 per il serbo venne riqualificata l'accusa da favoreggiamento a concorso in omicidio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Udienza per l'estradizione di Assange, gli Usa: Ha messo in pericolo vite innocenti

Le notizie del giorno | 21 febbraio - Serale

La Russia zittisce Radio Free Europe: "Organizzazione indesiderabile"