Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Cronache dallo Spazio: Luca Parmitano ci racconta come si vive a bordo dell'Iss

Cronache dallo Spazio: Luca Parmitano ci racconta come si vive a bordo dell'Iss
Diritti d'autore
ESA/NASA-L.Parmitano
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Primo appuntamento dallo spazio per le nostre... cronache dallo spazio. Dopo averci illustrato i preparativi nelle puntate precedenti, Luca Parmitano, astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa), ha cominciato la sua avventura a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (Iss).

Il 20 luglio l'astronauta italiano e i suoi colleghi sono decollati dal Cosmodromo di Baikonur, Kazakistan, a bordo della Soyuz MS-13 per raggiungere i membri dell'equipaggio a bordo della Iss, dove resteranno per sei mesi.

L'equipaggio ha lavorato sodo fin dal momento del suo arrivo a bordo. "Siamo partiti in quarta, per così dire - racconta Luca -. Siamo stati messi a dura prova fin dall'inizio".

Tra i primi compiti c'è stato quello di 'accogliere' Dragon, la capsula con cui sono arrivati materiali e rifornimenti per la vita a bordo dell'Iss.

A bordo della capsula c'erano anche le attrezzature necessarie per condurre esperimenti scientifici.

Nel corso della missione, ribattezzata Beyond, l'equipaggio dell'Iss condurrà più di 50 esperimenti europei e 200 internazionali.

Abituarsi alla vita nello spazio non è un'impresa facile. "Muoversi nella Stazione Spaziale, in condizioni di microgravità, rappresenta una sfida, per non parlare di tutte quelle attività quotidiane che diamo per scontate".

Parmitano è già stato a bordo della Stazione, ma per alcuni dei suoi colleghi si tratta della prima volta. Durante la sua prima missione Luca ha trascorso 166 giorni in orbita e ha partecipato a due passeggiate spaziali.

  • In collaborazione con l'Agenzia Spaziale Europea (ESA).