EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Seggi aperti in Nord Corea: si "vota" per le amministrazioni locali

Seggi aperti in Nord Corea: si "vota" per le amministrazioni locali
Diritti d'autore Reuters
Diritti d'autore Reuters
Di Antonio Michele Storto
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ogni cittadino è obbligato ad andare ai seggi, dove può limitarsi ad approvare o rifiutare il candidato unico designato per ciascuna circoscrizione: ma il dissenso è "caldamente scoraggiato"

PUBBLICITÀ

Seggi aperti per la seconda volta in un anno in Corea del Nord. Questa domenica gli elettori sono chiamati a rinnovare le assemblee cittadine e provinciali della Repubblica democratica popolare: anche se l'intepretazione di democrazia da queste parti è quantomeno peculiare.

Il primo passo è andare al seggio elettorale, e questa, piû che una scelta, è un obbligo per ogni maggiorenne. Qui a ciascuno viene consegnata una scheda con un singolo nome; a scegliere un candidato per ogni circoscrizione è infatti il regime: l'elettore puo limitarsi ad approvarne la candidatura, anche se il dissenso è esplicitamente scoragggiato.

Nella capitale gli elettori hanno dovuto esprimersi, per cosi dire, sia per il candidato dell'assemblea cittadina che per quelli dei vari distretti locali. "Sono grata al sistema socialista che permette a un'umile contadina come me di farsene rappresentante" spiega Maeng Ok Hwa, candidata designata per il distretto Sadong, nela Capitale. "Faro grandi cose per il sistema socialista occupandomi delle scorte di riso per il paese".

Per allietare l'attesa dei votanti, le autorità locali hanno organizzato spettacoli di canto e ballo fuori da ogni seggio elettorale

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trump primo presidente statunitense in Corea del Nord

Xi JInping in Corea del Nord per riaprire il dialogo sul nucleare

Russia e Corea del Nord rafforzano la cooperazione, non solo militare