Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

UE: Consiglio dei ministri dell'Interno, Francia e Germania contro l'Italia

UE: Consiglio dei ministri dell'Interno, Francia e Germania contro l'Italia
Diritti d'autore
Reuters
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Le future politiche migratorie rappresentano la voce principale nell'agenda del Consiglio informale dei Ministri degli Interni dell'Unione europea, in corso ad Helsinki. Scontro tra l'Italia (da un lato) e l'asse Francia-Germania (dall'altro) sui porti di sbarco dei migranti. "Non è una questione di costringere o convincere gli Stati membri - dice Dimitris Avramopoulos, Commissario europeo per le migrazioni - occorre pensare e agire in modo europeo, altrimenti seguiremo il nostro solitario percorso nazionale che porterà sempre a grandi problemi".

Salvini ribadisce il no al principio del porto più vicino per l'approdo degli immigrati, appoggiato dal Governo di Malta, Parigi e Berlino insistono invece per l'approvazione di un documento sugli arrivi che vincoli i Paesi che affacciano sul Mediterraneo. La Finlandia vorrebbe fungere da paciere, nonostante i movimenti anti-migranti siano in aumento anche da quelle parti. "Provengono da ambienti diversi e non hanno le competenze necessarie per trovarsi un lavoro, la parte più difficile è stata la lingua - dice Fadumo Barre, consulente per i migranti - a volte pensano sia sufficiente per me trovare un lavoro grazie alle abilità linguistiche".

Intanto, mentre Salvini ribadisce che le ONG non possono sostituirsi agli Stati, l'organo esecutivo dell'UE è preoccupato dal fatto che i singoli Paesi possano adottare autonomamente piani di emergenza contro le migrazioni.

ONG a processo per immigrazione clandestina, bene!!! #portichiusi

Publiée par Matteo Salvini sur Jeudi 18 juillet 2019