ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Gli interessi russi nei Balcani occidentali

euronews_icons_loading
Gli interessi russi nei Balcani occidentali
Dimensioni di testo Aa Aa

Si gioca nei Balcani occidentali una delle partite geopolitiche piu' delicate tra Unione Europea e Russia, intenzionata a rispondere a tono all'intensificarsi dei legami tra le istituzioni europee e la regione, testimoniate dal vertice di Poznan. Come conferma il professor Ordog dell'università di Budapest, secondo il quale: "La Russia ha intensificato le sue attività nel momento in cui ha si è resa conto del rafforzamento delle relazioni occidentali, prova ne è stata il tentativo di colpo di Stato in Montenegro nel periodo di adesione alla NATO, o il fatto che quest'anno in Kosovo sono stati realizzati molti arresti dalla parte russa. In Macedonia stanno perdendo terreno da quando il premier Gruevski è fuggito e il suo partito si è indebolito, perchè non hanno le teste di ponte che avevano prima. "

L'ex premier della oggi denominata Repubblica di Macedonia del Nord, condannato per corruzione e fuggito l'anno scorso a Budapest, dove ha chiesto e ottenuto asilo, non sarà estradato a Skopje per decisione della Corte metropolitana della capitale ungherese. Una prova ulteriore dell'attivismo del primo ministro Orban, impegnato tra l'altro in numerosi incontri bilaterali a l vertice con i governi della regione.

E se da una parte il ministro degli Esteri ungherese sostiene ufficialmente che l'integrazione della Macedonia settentrionale è un interesse di tutta l'Europa, Orban riceve a Budapest il presidente della parte serba della Bosnia Erzegovina, Milorad Dodik. una figura di spicco del nazionalismo serbo considerato in occidente uno stretto alleato di Putin.

Intanto a Poznan si apre il vertice che vedrà riunirsi i dieci stati membri dell'Unione Europea e i sei partner balcanici. oggetto del summit la cooperazione regionale con particolare attenzione a giovani e lotta alla corruzione.