Una vita da rifugiato, la durata media è di 17 anni

Una vita da rifugiato, la durata media è di 17 anni
Diritti d'autore REUTERS/Antonio Bronic
Diritti d'autore REUTERS/Antonio Bronic
Di Salvatore Falco
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Una vita da rifugiato, la durata media è di 17 anni. La maggior parte delle persone in fuga cerca protezione internazionale, ma sono circa mezzo milione le domande di asilo.

PUBBLICITÀ

 I rifugiati nel mondo sono raddoppiati rispetto a 20 anni fa e nel 2018 sono aumentati di 2,3 milioni di persone.

Si stima inoltre che 40,3 milioni di uomini, donne, bambini siano oggi costretti a vivere una qualche forma di moderna schiavitù.

"Le persone probabilmente non sanno che la durata media di chi vive da rifugiato o da sfollato è di 17 anni - dice a Euronews Simone Garroni, Direttore generale della Fondazione Azione contro la Fame - Un'eternità. Ci sono bambini nati in campi rifugiati e non hanno mai visto altro".

La maggior parte delle persone in fuga cerca protezione internazionale, ma sono circa mezzo milione le domande di asilo.

"La percentuale di persone che ottengono asilo è assolutamente residuale - aggiunge  Garroni - Parliamo di qualche decina di migliaia di persone, rispetto a 70 milioni di sfollati e rifugiati nel mondo. È evidente che i processi non funzionano in tempi e modi adeguati".

Diego Malcangi, euronews: "Spesso si parla di promesse di donazioni da parte di Paesi, ma anche di aziende. Di solito, in che percentuali vengono mantenute queste promesse?"

"In percentuali molto lontane dal 100%. Spesso siamo sotto la metà, ci sono crisi che ricevono il 20-30-40% dei finanziamenti inizialmente programmati - conclude Simone Garroni, Direttore generale della Fondazione Azione contro la Fame - Facciamo prestiti attraverso lo strumento del microcredito che possa essere investito in piccole attività di commercio. Ricordiamoci che questi campi sono città enormi che ospitano decine o centinaia di migliaia di persone".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Riches Claire, la comunità belga che accoglie migranti del centro e sud America

Bruxelles, proiettate le foto di chi salvò i migranti e ora rischia il carcere

Grecia: attacco razzista contro i rifugiati