EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Mondiali femminili: in Francia (ma non solo) grande disparità tra uomini e donne

Mondiali femminili: in Francia (ma non solo) grande disparità tra uomini e donne
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Nazionale francese di calcio femminile cercherà di far volare alto il tricolore del Paese nei Mondiali, sebbene tante siano le disparità di trattamento coi colleghi

PUBBLICITÀ

Un anno dopo Mbappé e compagni, la Nazionale francese di calcio femminile cercherà di far volare alto il tricolore del Paese nei Mondiali, sebbene tante siano le disparità di trattamento coi colleghi.

"Non so se è la stessa cosa in tutti i Paesi - dice Corinne Deacon, allenatrice transalpina - ma in Francia una donna può avere lo stesso lavoro di un uomo e guadagnare di meno: se si è felici di quello che si fa, con il proprio lavoro, c'è davvero bisogno di guadagnare più soldi? I bonus sono diversi, ed anche gli stanziamenti della FIFA, per il calcio maschile e femminile, ecco perché il modo in cui siamo pagati è diverso".

Senza contare il numero di chi gioca al calcio: 20 milioni di donne, contro 250 milioni di uomini.

Nel calcio professionistico francese, un salario medio mensile è circa 2 500 euro per le donne e 75 000 per gli uomini.

Inoltre, se le calciatrici transalpine saranno incoronate campioni del mondo, guadagneranno dieci volte in meno rispetto ai colleghi l'anno scorso.

La crescita del calcio femminile, comunque, è lampante: l'emittente televisiva che si è assicurata i diritti del Mondiale in partenza ha pagato 12 milioni di euro, a fronte di un solo milione pagato per la scorsa edizione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia 2019: obiettivo vittoria, per le azzurre contro le Reggae Girlz

Le prossime avversarie delle Azzurre: Nazionale Giamaica, organico e percorso

Mondiale femminili, quando le neozelandesi si ammutinarono contro il loro coach