Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

I segreti di Montreux

I segreti di Montreux
Diritti d'autore
Screenshot via EBU
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Tra mistero, teorie del complotto e apparenti apertura, è iniziato il summit del gruppo Bilderberg. A pochi giorni dal voto delle elezioni europee, il think-tank internazionale, riconosciuto da tutti come fulcro dei “poteri forti”, si riunisce fino a domenica, rigorosamente a porte chiuse, in una blindatissima a Montreux , in Svizzera.

I partecipanti sono circa 130, provenienti da 23 paesi. Leader politici, esperti dell’industria, della finanza, del mondo accademico, del lavoro e dei media. La lista degli invitati, un tempo segreta, ora è disponibile on line. Quello che non è dato sapere è il contenuto delle discussioni. Tra gli italiani, accanto alla giornalista Lilli Gruber, spiccano i debutti di Stefano Feltri, vicedirettore de Il Fatto Quotidiano e quello dell’ex premier Matteo Renzi. Presenti invece figure chiave degli esecutivi francese, olandese, tedesco ed estone.

Fondato nel 1954, la riunione di Bilderberg è una conferenza annuale destinata a promuovere il dialogo tra l'Europa e l'America del Nord. Ogni anno sono invitati a partecipare tra 120 e 140 leader politici ed esperti del settore industriale, finanziario, accademico, della forza lavoro e dei media. Circa due terzi dei partecipanti vengono dall’Europa e il resto dall’America del Nord; circa un quarto sono politici e rappresentanti del governo, il resto viene da altri settori.

Undici i temi in agenda:

Un’ordine stabile e strategico

Gli prossimi passi per l’Europa

Cambiamento climatico e sostenibilità

Cina

Russia

Il futuro del capitalismo

Brexit

L’etica dell’intelligenza artificiale

Strumentalizzazione del Social Media

L’importanza dello spaziale

Minacci tipo Cyber