Sacchi,Sarri alla Juve è una rivoluzione

Sacchi,Sarri alla Juve è una rivoluzione
'Calendari decisi dai palinsesti?Si rischia annientamento sport'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Mi ha fatto un gran piacere la vittoria del Chelsea di Sarri. Sennò poi dicono sarebbe finito in quella categoria di allenatori di cui dicono 'è bravo e bravo ma non vince mai'. Ha vinto meritatamente. Ha vinto una partita non facile, ha degli ottimi giocatori, che però in generale giocano poco per la squadra". Così Arrigo Sacchi commenta, a Radio Capital, la vittoria del Chelsea nella finale di Europa League. Poi Sacchi passa a parlare dell'allenatore giusto per la Juventus. "Ho sempre pensato che l'allenatore debba essere insieme sceneggiatore e regista, altri invece interpretano quel ruolo in modo diverso - spiega Sacchi - io ho una predilezione per quelli che lo interpretano così, e che danno uno stile alla squadra. In Italia se ne sono solo 4 o 5, che sono buoni strateghi e danno un'impronta alla propria squadra. Tutti gli altri altri sono solo dei tattici. Sarri ha dimostrato di saper dare uno stile alle proprie squadre, un'identità. Sarri alla Juventus sarebbe una rivoluzione importante".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Difesa: Rishi Sunak annuncia piano aumento spesa al 2,5 per cento del Pil

Portogallo: a 50 anni dalla Rivoluzione dei Garofani le foto di Alfredo Cunha raccontano la storia

Le notizie del giorno | 23 aprile - Serale