Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Road trip: il meglio dall'Europa meridionale

Road trip: il meglio dall'Europa meridionale
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Eccovi un resoconto di alcuni momenti vissuti nel Road trip, in giro per la parte bassa dell'Europa.

"Ciò di cui noi abbiamo bisogno - dice questo ragazzo portoghese - è esattamente ciò di cui hanno bisogno gli altri: vale a dire Deputati che ci difendano, ma non può essere solo una cieca difesa del Portogallo, deve essere una situazione vantaggiosa per tutti gli Stati membri".

"Sono preoccupato per il nazionalismo - afferma Tomas, spagnolo - penso sia una maledizione in Europa e la soluzione è più Europa e meno nazionalismo".

"L'Unione Europea per me è un disastro, un'invenzione, una farsa, l'Europa è insignificante".

Tutti abbiamo lo stesso obiettivo, cioè che tutto cambi - dice invece la transalpina Sylvie - che ci sia più umanità perché c'è tanta miseria, non solo in Francia ma in tutto il mondo".

E trasferiamoci in Italia: qui Sigismondo, professione pensionato, pensa che "Il problema più grande è la disoccupazione qui, aggiungiamoci anche la massa di incompetenti che sono al Governo, che credono sia sufficiente andare al potere e fare propaganda per risolvere i problemi, non è così che funziona" .

"Se si guarda all'economia - afferma Paolo - la situazione dell'Italia è molto difficile, perché gli imprenditori se ne vanno e sono loro che guidano l'economia creando posti di lavoro, è chiaro che la disoccupazione sta aumentando e non viene più creata occupazione".

E chiudiamo con la Grecia: qui si percepiscono ancora chiaramente i sentori della grossa crisi economica da poco superata.

"Se fossimo fuori dalla crisi, dovremmo tornare alla normalità - dice questo imprenditore locale - e quando diciamo normalità, intendiamo il periodo precedente ai programmi di salvataggio: a questo punto, le banche non danno alcun prestito alla maggior parte degli uomini d'affari.

Non solo non siamo nell'era del pre-salvataggio, ma continuiamo a vivere nelle condizioni del piano di salvataggio: ciò che il Governo ci dice a tal proposito è tanto per dire".

"C'è speranza, ma dovremmo concentrarci sulla nuova generazione, se rimarrà in Grecia, e dare speranze per l'occupazione, la crescita, l'innovazione, la tecnologia: ci sono alcune persone che sostengono l'Unione Europea ma pensano che debba cambiare rotta, lasciando il conservatorismo ed adottando politiche più progressiste".