Noemi, slitta Appello per ex fidanzato

Noemi, slitta Appello per ex fidanzato
Madre 16enne uccisa, Lucio deve chiedere di marcire in galera
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LECCE, 22 MAG - É slittato al 7 giugno il processo d'appello per Lucio Marzo, il 19enne di Montesardo di Alessano (Lecce), condannato in primo grado a 18 anni e 8 mesi per l' omicidio di Noemi Durini, la fidanzatina di 16 anni, uccisa e occultata sotto un cumulo di pietre. Il corpo venne trovato dieci giorni dopo, il 13 settembre 2017. La Corte d'Appello ha accolto la richiesta del difensore di Marzo che ha chiesto un'udienza ad hoc visto il carico di udienze oggi in Appello e i legali delle parti non si sono opposti. Marzo era in aula, arrivato dal carcere di Quartuccio. Il suo legale ne parla come di una persona "molto cambiata e che sta prendendo coscienza del reato". "Dopo quanto ha fatto dovrebbe dire lasciatemi marcire qua dentro perché ho tolto la vita a una ragazzina", ha detto invece Imma Rizzo, la madre di Noemi, non nascondendo la delusione per l'allungarsi dei tempi: "É inverosimile che si prendano altri giorni, mia figlia é stata sepolta anche viva, 18 anni e 8 mesi il suo assassino se li deve fare tutti".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Commissione Ue, il possibile ritorno di Mario Draghi in Europa piace in Italia

Usa, Donald Trump a cena con Andrzej Duda a New York: il tycoon sonda il terreno per la Casa Bianca

Germania, il leader in Turingia dell'Afd a processo per uno slogan nazista