ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Migranti: vescovo Ventimiglia, aiutarli

Migranti: vescovo Ventimiglia, aiutarli
Mons.Suetta, per Benedetto XVI prima c'è diritto a non emigrare
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – VENTIMIGLIA (IMPERIA), 21 MAG – “Bene l’accoglienza, ma
i migranti vanno aiutati anche a casa loro. Come affermava anche
Benedetto XVI prima del diritto a emigrare c‘è il diritto a non
emigrare, cioè il dovere della comunità internazionale di
rimuovere la cause che obbligano chi è disperato a partire”. Lo
ha affermato oggi il vescovo della diocesi di Ventimiglia e
Sanremo Antonio Suetta intervenendo sull’emergenza umanitaria,
che da anni vive anche la frontiera italo francese di
Ventimiglia. “Dire ‘aiutiamoli anche a casa loro’ – aggiunge il
vescovo – non deve, però, essere interpretato come uno di quegli
slogan che vogliono esprimere un’idea del respingimento. Si
tratta invece di un lavoro serio, organizzato, attento, costante
e sinergico per rimuovere le cause che spingono queste persone a
lasciare la propria terra strappandone le radici”. “Serve un
lavoro serio da parte della comunità internazionale – aggiunge
-, in modo che la guerra, lo sfruttamento, le ingiustizie
sociali e la miseria di un Paese si possano superare”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.