ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Italia - Tunisia, convergenza su Libia e immigrazione

Italia - Tunisia, convergenza su Libia e immigrazione
Diritti d'autore
REUTERS/Zoubeir Souissi
Dimensioni di testo Aa Aa

L'arrivo in Italia di un gruppo di migranti, evacuati dalla Libia grazie a uno sgombero umanitario fa pensare a una linea più morbida del governo nei confronti di chi proviene questa zona di crisi. Se ancora a fine marzo il ministro dell'Interno Matteo Salvini parlava della Libia come di un porto sicuro, oggi sottolina che l'Italia non rifiuta chi ha il diritto di emigrare, mantenendo però alta l'attenzione sull'allarme terrorismo.

Salvini a marzo definiva la Libia "un porto sicuro" per i migranti

Allerta condivisa con il governo tunisino, al vertice tra i due Paesi nella capitale Tunisi, che ha trattato argomenti strategici per l'area Mediterranea. Rispetto all'accoglienza dei migranti il presidente Conte ha ribadito che la missione Sophia va aggiornata alle decisioni del Consiglio europeo di un anno fa, per una condivisione di tutti gli oneri da parte degli Stati membri.

La conferenza stampa del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte con il suo omologo Youssef Chaled

Piena convergenza, su migranti e Libia, dove i due Paesi spingono per una soluzione politica. Mentre l'alto commissario Onu per i diritti umani, Michelle Bachelet, esorta a continuare sulla strada dei corridoi umanitari per i civili intrappolati: 42 mila libici in fuga - dice l'Oms - e più di tremila Intrappolati nei centri di detenzione.