ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caporalato, 18 denunce nel Cosentino

Caporalato, 18 denunce nel Cosentino
Braccianti stranieri sfruttati e stipati all'interno di furgoni
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - ROSETO CAPO SPULICO (COSENZA), 25 MAR - Diciotto persone, tra cui tre proprietari di aziende site in Basilicata e 7 lavoratori stranieri non in regola sono state denunciate in stato di libertà dalla Guardia di finanza di Montegiordano nell'ambito di un'operazione contro il caporalato e l'immigrazione clandestina. I finanzieri, durante un'attività di controllo nell'area urbana di Roseto Capo Spulico, hanno identificato 56 migranti reclutati in violazione dei contratti di lavoro e privi di permesso di soggiorno tra pachistani,nigeriani, bulgari e romeni, trovati all'interno di sette furgoni dentro ai quali erano stipati, qualcuno anche nel vano portabagagli, in condizioni degradanti. Gli undici caporali sono stati denunciati per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro per il quale rischiano la reclusione da uno a sei anni e la multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore reclutato. I lavoratori percepivano paghe nettamente inferiori a quelle previste dai contratti di categoria.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.