Venezuela, anche gli animali domestici soffrono la fame: cacciati o abbandonati

Venezuela, anche gli animali domestici soffrono la fame: cacciati o abbandonati
Diritti d'autore
REUTERS/Guadalupe Pardo
Dimensioni di testo Aa Aa

La crisi in Venezuela ha fatto precipitare milioni di persone in uno stato di povertà e ha causato l'esodo di massa di oltre tre milioni di individui. Ma i venezuelani non sono le sole vittime della situazione economica disastrosa in cui versa il Paese: poco si parla infatti delle condizioni in cui si trovano a vivere i loro (ex) animali domestici.

Secondo Voluntarios Proteccionistas, una no profit animalista, tra le strade ci sono oggi almeno tre milioni di cani randagi. "La crisi ha costretto le persone a lasciare il proprio Paese e abbandonare i propri animali. Alcuni invece li abbandonano perché semplicemente non possono più dare loro da mangiare", dice a Euronews Alicia Velasco Viso, presidente dell'associazione.

Velasco spiega che un sacchetto di cibo per cani standard può arrivare a costare 44€ mentre il salario medio mensile non supera i 5€: impossibile, a queste condizioni, provvedere al proprio compagno animale.

La situazione è così drammatica che alcune persone finiscono per dare la caccia a cani e gatti per potersi sfamare di loro. "Anche gli animali hanno bisogno degli aiuti umanitari", aggiunge Velasco.

La stessa Velasco si occupa di "17 cani e 8 gatti", conclude, "ma allo stesso tempo devo anche provvedere alle necessità della mia famiglia".

Mangiamo per miracolo, nel mio caso mangio solo due volte al giorno. Colazione a mezzogiorno e pranzo alle cinque di pomeriggio
Eglé Díaz
Studiosa di diritto e animalista

Due anni fa, un'inchiesta universitaria ha messo in luce come, nel 2017, sei venezuelani su 10 abbiano perso 11 chili a testa per la mancanza di un'adeguato apporto nutritivo. Nove su 10 hanno dichiarato di non avere il necessario per mangiare tutti i giorni.

Il problema degli animali domestici investe anche le cliniche veterinarie e la compravendita delle "mascotas". Mancano i medicinali per gli uomini, quelli per gli animali - quando si trovano - costano caro. Troppo caro.

REUTERS/ Carlos Garcia Rawlins