ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vialli, il cancro? Ora sto bene

Vialli, il cancro? Ora sto bene
Premiato con "il bello del calcio 2019", al pallone devo tutto
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - MILANO, 25 FEB - "Accetto con umiltà e orgoglio questo premio. So come è andata la scelta, siete stati lì con i foglietti a decidere e avete detto 'Diamolo a Vialli quest'anno perché magari l'anno prossimo sarà troppo tardi' ": con ironia Gianluca Vialli ha ritirato il premio 'Il bello del calcio' in memoria di Giacinto Facchetti. "A proposito del cancro - ha aggiunto - voglio dire che sto bene. Non è stato facile ma questo periodo mi ha insegnato molto e mi sto preparando fisicamente e psicologicamente meglio di quando giocavo a calcio, quindi credo che dovrete sopportarmi ancora a lungo". "Sono rimasto sorpreso, scioccato di aver vinto questo premio. Finora mi hanno detto che ero quello 'simpatico' poi ho visto che lo hanno dato anche a Zola e allora.... Nella vita serve 'calling' la vocazione, la chiamata. Avevo appena iniziato a camminare, ho dato un calcio al pallone e mi sono innamorato. Il talento non è importante, lo è la continuità. Io al calcio devo tutto. Dalla prima macchina, alla verginità persa".

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.