Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Brasile, diga: ripresi soccorsi dopo rischio nuovi cedimenti

Brasile, diga: ripresi soccorsi dopo rischio nuovi cedimenti
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Riprendono le operazioni di ricerca e soccoso delle vittime del crollo della diga di Brumadinho, in Brasile, dopo la messa in sicurezza di un altro bacino a rischio di cedimento, situato sempre nella zona mineraria del Minas Gerais.

Nel frattempo, i vigili del fuoco hanno fatto evacuare tutti i residenti della zona sottostante la diga.

La disperazione è ancora evidente nei volti di chi ha vissuto l'incubo. Cosi racconta una persona della comunità locale a seguito del dramma che ha devastato il suo villaggio:

"In preda al panico, sono scappati tutti, correndo verso i punti piu alti della collina, portandosi dietro borse, grandi zaini, affetti personali. Qualsiasi cosa potessero prendere con se. I bambini, come gli anziani, cercavano di arrampicarsi come potevano per salvarsi. Un'esperienza scioccante ."

Un esperto di ecologia dell'Università di Rio de Janeiro ha commentato la politica di sicurezza ambientale del Paese:

"Per il momento, non ci sono segni di controlli più severi per rispettare le normative ambientali da parte del Governo, che consentano di monitorare la condotta delle società private attive nel settore. Questo Governo ritiene che le aziende lavorino in modo responsabile a prescindere da tutto. Ma, in realtà, vediamo che è esattamente il contrario".

Il crollo della diga venerdi a Brumadinho ha lasciato un pesante bilancio di vittime. Sono 34 i morti confermati finora e almeno 296 dispersi. Con lo sconforto, restano anche amarezza e delusione, a distanza di soli 3 anni dall'incidente di simile natura avvenuto in una diga a Mariana, che si trova proprio nello stesso Stato.